Una gemma musicale per lo sviluppo della città di Marano
 







Rosario Ruggiero




Con una benedizione di don Luigi Merluzzo, parroco della vicina chiesa di San Castrese, sentitamente partecipata dai presenti e non priva di profonde osservazioni del sacerdote, (“La musica è invisibile, eppure può aiutare l’uomo a guardare meglio il mondo”), è stata inaugurata ufficialmente, pochi giorni fa, in quel di Marano, presso Napoli, Euterpe, scuola di musica, ma pure sala di incisione ed agenzia artistica, creata dal musicista Adolfo Tronco.
Folta l’affluenza del pubblico che ha così potuto visitare le sale della neonata istituzione e godere dell’esibizione dei vari artisti intervenuti.
Nel frattempo le attività fervono, e già sono partiti i corsi musicali teorici e quelli di pianoforte, chitarra, percussioni, sassofono, canto moderno e pianoforte di musica leggera, nonché, gioiello di questa ampia offerta didattica, il corso di Recupero dell’interpretazione della canzone classica napoletana tenuto dalla cantante GloriaGreco la quale dispensa tutta l’esperienza della sua lunga, applaudita carriera, televisiva, nazionale ed internazionale, a studenti di ogni età e formazione, con risultati incontestabilmente brillanti, stando a spettacoli già svolti in passato dai suoi allievi, a giorni anche facilmente verificabili da tutti grazie all’imminente uscita di un’incisione discografica, ulteriore gratificante esperienza formativa per i corsisti. Particolarmente interessante gli appena iniziati incontri estivi per avvicinare alla musica, con simpatica modalità ludica, i giovanissimi.
Circa l’attività di agenzia artistica, già sono stati arruolati gruppi musicali e solisti di buona esperienza, mentre, per quanto riguarda la modernissima sala di incisione, piovono richieste, anche finalizzate al noto Festival di Sanremo.
Una realtà, insomma, già seguita, vivace e preziosa in un contesto non certo privo di problematiche che certo, anche grazie all’esemplare coraggio imprenditoriale del maestro AdolfoTronco, può sperare in un significativo riscatto.
Per questo, a maggior ragione, è dispiaciuta l’assenza di figure politiche locali che, opiniamo, lungi da insensibilità, superficialità e disinteresse, è stata dettata sicuramente da importanti motivi, purtroppo così estesi da coinvolgere incredibilmente tutti.
Non mancheranno occasioni per apprezzare la loro attenzione e riconoscere il loro apporto a questa preziosa gemma nascente del loro territorio di amministrazione.






2024-07-01


   
 



 
01-07-2024 - Una gemma musicale per lo sviluppo della città di Marano
01-06-2024 - I visionari dell’armonia
01-05-2024 - Adolfo Tronco, un giovane imprenditore musicale
01-04-2024 - Maurizio Pollini, analisi di un mito
01-03-2024 - Ancora un libro su Caruso
01-02-2024 - Violini a Sant’Agata de’ Goti
01-01-2024 - Un dicembre ricco per gli amanti di Caruso
01-12-2023 - Paolo Borciani ed il Quartetto Italiano, un esempio di musica e civiltà
01-11-2023 - Un nuovo libro su Enrico Caruso
01-10-2023 - in memoria di Giovanbattista Cutolo
01-09-2023 - Su Internet un nuovo omaggio a Salve D’Esposito
01-08-2023 - Canzoni napoletane al Real Bosco di Capodimonte
01-07-2023 - Un nuovo studio sulla canzone di Napoli
01-06-2023 - Musica nel Giardino dei Sogni
01-05-2023 - Sull’importanza delle formazioni musicali cittadine