Paolo Borciani ed il Quartetto Italiano, un esempio di musica e civiltà
 







Rosario Ruggiero




Che l’arte abbia svariate implicazioni non lascia dubbi, tantomeno che tra queste ci siano incidenze civili di notevole sapore pedagogico ed esemplare. L’esecuzione musicale solistica, ad esempio, esalta un senso particolarmente marcato di responsabilità nei confronti del pubblico e la capacità di scelte autonome, l’esecuzione in ambito orchestrale il senso gerarchico, con la maestria degli orchestrali al condiscendente servizio della musicalità del direttore dell’orchestra, il gruppo cameristico senza direttore, invece, la mutua collaborazione tecnica ed artistica per un risultato i cui meriti saranno ugualmente ripartiti tra gli esecutori, insomma è un esempio di proficua, democratica cooperazione, allegoria di valori e più ampie applicazioni sociali che si contrappongono all’individualismo da un lato, ed all’omologazione che spersonalizza dall’altro, così presenti oggi, un contesto dove tutti si ritrovano parimenti agenti eresponsabili.
Anche per questo piace ricordare, nel mese di dicembre che fu di nascita per Paolo Borciani, la figura di questo musicista emiliano che, venuto alla luce a quattro giorni dal Natale del 1922, lasciò questo mondo il 5 luglio 1985, a Milano.
Violinista di chiaro rango, costituì, nel 1945, insieme alla violinista e moglie Elisa Pegreffi, al violista Lionello Forzanti, poi sostituito da Piero Farulli e da Dino Asciolla, ed al violoncellista Franco Rossi, il celebre Quartetto Italiano, del quale il compositore e critico musicale Virgil Thomson dirà “indubbiamente il miglior quartetto del nostro secolo”, esibendosi per l’Europa ed oltreoceano, ulteriore scintilla di gloria e prestigio di un’Italia che, nell’ambito dell’arte dei suoni, riusciva ancora a dettare legge. Una chiara lezione, quella di questo felice sodalizio artistico e del suo fondatore, di mutua umiltà, competenza, sensibilità, ma soprattutto nobilissima subordinazione ai più alti valori della musica edella vita.






2023-12-01


   
 



 
01-02-2024 - Violini a Sant’Agata de’ Goti
01-01-2024 - Un dicembre ricco per gli amanti di Caruso
01-12-2023 - Paolo Borciani ed il Quartetto Italiano, un esempio di musica e civiltà
01-11-2023 - Un nuovo libro su Enrico Caruso
01-10-2023 - in memoria di Giovanbattista Cutolo
01-09-2023 - Su Internet un nuovo omaggio a Salve D’Esposito
01-08-2023 - Canzoni napoletane al Real Bosco di Capodimonte
01-07-2023 - Un nuovo studio sulla canzone di Napoli
01-06-2023 - Musica nel Giardino dei Sogni
01-05-2023 - Sull’importanza delle formazioni musicali cittadine
01-04-2023 - Un libro sul teatro Mercadante
01-03-2023 - La canzone napoletana secondo Gloria Greco
01-02-2023 - Fidenza celebra Caruso
01-01-2023 - Arte per disinteressata vocazione
01-12-2022 - Buon compleanno San Carlo!