Il romanzo di Nicla Pandolfo/Se la vita scorre come la musica
 











In un panorama editoriale pressoché monopolizzato da storie autobiografiche e “gossippare”  e  da racconti seriali di avventure poliziesche,  diventa sempre più raro imbattersi per così dire in  “prodotti” concepiti all’insegna della  narrazione   esistenziale, capace di  toccare   le corde  di una  meditazione profonda ovvero  creare una scossa sensoriale che invita il lettore ad  un  confronto con se stesso e le proprie esperienze. Nicla Pandolfo appartiene a una tipologia letteraria che concepisce  la scrittura come un’esperienza in grado  di proporre una riflessione non secondaria sull’evolversi dei sentimenti e delle passioni. Dopo un lungo silenzio si ripropone in questi giorni  con un nuovo romanzo  che parla proprio  di passioni, desideri, illusioni e disinganni dell’animo umano.  Il racconto è incentrato sulle esperienze familiari e passionali del personaggio di  Gina e degli altri protagonisti che ruotano intorno a lei e ne segnano inevitabilmente  il  destino. E’ una storia di vita narrata ispirandosi alla musica jazz (di cui l’autrice è una fedele amante e intenditrice), ovvero le tre fasi che in qualche modo segnano anche il suo tempo esistenziale: il bepop che incarna anche  musicalmente la stagione della rottura delle convenzioni e dei canoni tradizionali  che necessariamente sfocia poi  nell’hot jazz di una  acclarata maturità  fino ad approdare in ultimo al cool jazz che è diremmo la stagione del disincanto e del distacco.
Ma i ritmi della musica scandiscono anche inesorabilmente lo scorrere del tempo e soprattutto  suggellano mutamenti che,  perfino in maniera inconsapevole,   alterano  corpo ed anima: ce lo  indica la scrittrice in uno dei passaggi più intensi del romanzo, giacché il tempo “passa e cambia tutto. E quantosta passando ti sembra così lento da parere fermo, immobile. Ma intanto sta fuggendo…Nelle cose, negli spazi, nelle persone, nell’accumularsi degli eventi che, mentre accadono e si succedono, non pare che stiano accadendo”. E proprio mentre si spera che tutto possa passare in fretta  “ all’improvviso di accorgi che sei andato oltre,  più in là di quanto immaginassi. Lo sguardo ti cade su una cosa e la trovi mutata; su di te e ti trovi diverso. La mente ti sorprende con pensieri, ricordi, sensazioni, suoni di parole lontane e ti accorgi che stai vivendo un altro tempo, altro da quello  in cui credevi di ristagnare, un’altra situazione, un modo diverso di valutare le cose”. Cosi inevitabilmente  finisce anche l’amore di una vita di Gina, forse resteranno i ricordi ma la scrittrice nemmeno ce lo dice proprio perché nulla si arresta e  tutto muta. Ed allora  è probabilmente alla scrittura soltanto che è affidato il compito (e  l’onere)  di comprendere e giustificare il senso stesso dell’esistenza.
Antonio Filippetti

Nicla Pandolfo
Ci troverà la luce del sole
Luoghi Interiori,pp.185, euro 18,00






2023-12-01


   
 



 
01-02-2024 - La clessidra e la sintesi dell’esistenza
01-12-2023 - Il romanzo di Nicla Pandolfo/Se la vita scorre come la musica
01-11-2023 - LA FORZA CATARTICA DELLA MUSICA
01-10-2023 - OMERO, NAUSICAA E L’IDILLIO MANCATO
01-05-2023 - La linea Leopardi
01-03-2023 - L’ATTRITO DELLA VITA
01-01-2023 - QUANDO LA DISABILITÀ DIVENTA ARTE
01-08-2022 - Pulsa de nura di Fiorella Franchini dal romanzo storico al romanzo della Storia.
01-07-2022 - Tanti piccoli k Bruno Pezzella
01-09-2021 - Disappartenenza e alienazione ne La follia in 3D di Piero Zucaro
01-07-2021 - L’INOSSIDABILE FRANK SINATRA
01-12-2020 - Ugo Piscopo rinascimentale
01-11-2019 - Bambini e musei
01-11-2020 - IL CAMMINO DELL’AMORE
01-10-2020 - Poesia e coronavirus Per correr migliori acque