Aboliamo le pagelle di fine anno
 











Ogni anno, nel mese di dicembre, arriva puntuale il rendiconto periodico stilato dal Sole 24Ore sulle condizioni di vita del nostro paese. E’ ormai un appuntamento canonico come le pagelle riservate agli studenti alla fine di ogni anno scolastico.  Ma in questo caso sappiamo per così dire già in anticipo  due cose: la prima è che  le sentenze  ci “ammorberanno” le vacanze n di fine anno e la seconda è che ripetono un canovaccio già noto e usurato. I risultati dell’indagine ci dicono, ovvero ci confermano ogni volta,  che al Sud si vive male, molto peggio che al Nord e, ad esempio,  che la valutazione della capitale del Mezzogiorno è addirittura pessima visto che è relegata in terz’ultima posizione nella classifica nazionale.  Viene spontaneo ribadire   qualche osservazione che per la verità è stata già avanzata in passato. I risultati dell’analisi sono basati su determinati indicatori che seppurvalidi non sono certi  i soli  che si possono prendere in esame e non v’è dubbio che se si cambiassero i parametri su cui si basa la ricerca i risultati sarebbero diversi. Questo anche non volendo criticare gli indicatori stessi e chiedersi chi e in base a quali criteri  li sceglie. Alcune verità emerse sono incontestabili ma sono già arcinote; che ad esempio alcuni servizi essenziali come i trasporti o la sanità languano nel Mezzogiorno è lapalissianamente appurato, ma non si capisce perché Napoli sia considerata più “violenta” di Milano dopo che altre ricerche hanno dimostrato che la capitale del Nord è un territorio tra i più pericolosi; così come, per quanto riguarda i trasporti, come si fa a dire che Roma stia meglio di Napoli. E su questa falsariga dei paragoni inconcepibili si potrebbe andare avanti a lungo.
Il problema cruciale sembra in verità un altro: l’euforia per la passione turistica per Napoli  fa seriamente riflettere poiché la città stagradatamente cedendo il passo al sistema Venezia (o Las Vegas), preda  cioè del mordi e fuggi disastroso da parte di  avventori occasionali  e amanti più  di pizzerie e friggitorie che  del grande patrimonio artistico invero poco apprezzato alla fine  da parte di queste  vere e proprie orde sconsiderate   di “pellegrini” inconsapevoli  la cui presenza ha l’effetto, persino involontario,  di trasformare,  deprezzandolo,  il vero volto di una grande città. Certo le istituzioni sono incapaci di una vera protezione, vale a dire mettere in campo una seria politica di gestione e apprezzamento di questo grande bene di cui la città è dotata, mostrando in fin dei conti disinteresse alla tutela visto che nella giunta comunale in carica  manca  perfino  il responsabile di riferimento,   l’ assessore alla cultura.
In un panorama di questo tipo  emergono inevitabilmente  le solite polemiche, valea dire  l’immarcescibile contrapposizione tra i difensori  e gli accusatori, ma anche questa  è materia usurata, anche perché lo sguardo andrebbe rivolto per così dire più in alto, esteso cioè a tutto il paese che secondo un’altra inevitabile radiografia annuale, quella del Censis, definisce   gli italiani, del Nord come del Sud, dei sonnambuli, degli individui  cioè rassegnati a vivere (o sopravvivere) in uno stato di alterata coscienza,  incapaci  di affrontare finalmente  i problemi del proprio tempo e della propria esistenza. E sarebbe allora  il caso di abolire una buona volta queste pagelle di fine anno e darsi da fare seriamente per attuare qualche utile cambiamento.
Antonio Filippetti






2023-12-31


   
 



 
01-02-2024 - La Presidente Meloni e Napoleone (quello de “La fattoria degli animali”)
01-01-2024 - Aboliamo le pagelle di fine anno
01-12-2023 - La comunicazione dello spettacolo (e lo spettacolo della comunicazione)
01-11-2023 - Una modesta proposta/Un vero anno sabbatico
01-10-2023 - Opposti estremismi
01-09-2023 - I fantocci del teatrino tv
01-08-2023 - Lo specchio dei tempi
01-07-2023 - Verità e informazione
01-06-2023 - Fazio e fazioni
01-05-2023 - Elogio del silenzio
01-04-2023 - Il comune senso del ridicolo e del pudore
01-03-2023 - Così fan tutti
01-02-2023 - Valutare la vivibilità
01-01-2023 - Scandali e cultura
01-12-2022 - La crisi del paese e della cultura