Tanti piccoli k
Bruno Pezzella
 











I tanti Kafka che sono in noi
I racconti surreali di Bruno Pezzella
La produzione narrativa contemporanea si sviluppa attraverso due filoni fondamentali che hanno ormai monopolizzato il genere in maniera pressoché totale. Quando ci troviamo tra le mani un libro di narrativa, ci accorgiamo che l’autore sta raccontando un’esperienza legata alla sua biografia, oppure ci sta propinando una crime story. Il che significa poi che il percorso creativo si svolge all’insegna di  un canovaccio in qualche modo predeterminato per cui quasi sempre il lettore si deve accontentare delle “lagne” personali  dell’io narrante  ovvero sorbirsi l’ennesima   prodezza del commissario di giornata. E per di più è orami noto che esiste da parte degli editori una  espressa reticenza ad accettare e pubblicare opere al di fuori di determinati canoni  “commerciali”.
E’ pertanto una piacevole avventura trovarsi difronte ad un  volume di racconti che si distaccano dalla corrente “vulgata”.  Tra l’altro giova forse ricordare che per quanto riguarda la tradizione di casa nostra, il romanzo in sé non ha mai storicamente goduto di eccessivo favore da parte degli autori a differenza di altre tradizioni letterarie come quella francese o anglosassone. Del resto è noto che il romanzo cosiddetto borghese nasce in Inghilterra nel Settecento mentre in Italia dobbiamo attendere oltre un secolo e soprattutto l’arrivo di un signore come Alessandro Manzoni.
 Di conseguenza, come accennato, fa piacere  imbattersi una volta tanto in un   libro insolito come quello dei  racconti   di Bruno Pezzella  che offre per  così dire al lettore la possibilità di spaziare in un vasto  excursus  composto da 37  testi suddivisi in tre sezioni  (rispettivamente “persi”, “matti” e “idioti) ma  tutti  alimentati da una passione surreale  che si richiama  anche nel titolo, non  a caso,  a Franz Kafka, il grande autore praghese che a giudizio di Philip Roth, come tiene appunto a  ricordare il nostro autore, è “un mago, come Beckett e Bellow” e nel cui “universo letterario c’è qualcosa di magico, anzi di miracoloso”.
 Con questo presupposto Pezzella si muove felicemente nel mondo  della creazione  surreale, a tratti quasi favolistica, che tuttavia  è solo apparentemente lontana dalla realtà. Non a caso Carlo Di Lieto, in una ricca e puntale prefazione, scardina per così dire il  sottofondo  psicanalitico  che sorregge l’ispirazione e dà corpo a tutta l’operazione letteraria messa in moto da Pezzella. I personaggi che animano le storie sono al tempo stesso reali e immaginari,  sinceri e artefatti, positivi e negativi, ma tutti, al di là  della “postura”, rappresentano uno spicchio di vita,  un modo di sentire  l’esistenza che , aseconda dei casi, è  prossima o distante come accade appunto di leggere in alcuni  racconti di Kafka. E nello stesso tempo, nell’immediatezza della proposizione (che ricorda  per certi versi autori  ormai classici come Achille Campanile o Ennio Flaiano) ci  inducono a riflettere su noi stessi e la nostra quotidiana esperienza.
Antonio Filippetti

Bruno Pezzella
Tanti Piccoli “K”
Prefazione di  Carlo Di Lieto
Edizioni Mea, pp.310, euro 15,00






2022-06-30


   
 



 
01-07-2022 - Tanti piccoli k Bruno Pezzella
01-09-2021 - Disappartenenza e alienazione ne La follia in 3D di Piero Zucaro
01-07-2021 - L’INOSSIDABILE FRANK SINATRA
01-12-2020 - Ugo Piscopo rinascimentale
01-11-2019 - Bambini e musei
01-11-2020 - IL CAMMINO DELL’AMORE
01-10-2020 - Poesia e coronavirus Per correr migliori acque
01-08-2020 - UN’AMICIZIA IN BLUES
01-07-2020 - Liriche di Francesco Terrone Mongolfiera al vento
01-04-2020 - FEDERICO FELLINI, REALISTA E VISIONARIO
01-03-2020 - Elogio del pensiero libero
01-03-2020 - Napoli da vicino e da lontano
01-12-2019 - La poesia per capire e ritrovarsi
01-12-2019 - Leopardiana/Omaggi al grande poeta
01-09-2019 - I GIORNI DI JACQUES