Celebrazioni per i 700 anni della morte del sommo poeta
La poesia profetica: Dante e lo specchio del presente
 











E’ universalmente noto  che la politica e le istituzioni in genere riservano scarso interesse  al settore della cultura. Il che è molto probabilmente dovuto al fatto che i rappresentanti che pure ci governano  ignorano il valore della cultura e soprattutto non sanno che attraverso le opere che i grandi autori ci hanno lasciato sarebbe possibile capire il nostro tempo e di  conseguenza  agire adeguatamente. Capire significa ovviamente  poter intervenire per risolvere. Non a caso è stato detto – e non è solo una provocazione – che sarebbe meglio lasciare che fossero i poeti a spiegare la crisi economica in atto.
Nell’anno in cui si celebra il sommo poeta  per i 700 anni della morte  risulta quanto mai utile  rileggere  alcuni versi danteschi per capire  meglio   la condizione in cui si trova il nostro paese che  viene diremmo profeticamenteanticipata e descritta già da Dante in uno dei suoi canti più belli e famosi, il VI del Purgatorio che è talmente pregnante che conviene analizzarlo più dettagliatamente per valutare le straordinarie analogie con gli anni che abbiamo vissuto e stiamo vivendo. Vediamo allora. Il canto si apre con la presenza di un personaggio che ha vinto al gioco d’azzardo, forse  solo per fortuna, forse perché ha barato ma sta di fatto che viene acclamato  da una ciurma di lecchini  postulanti  che a vario titolo sperano di ottenere qualcosa da lui, denaro od altro, ed è proprio quello che il personaggio fa allontanandosi tra gli entusiasmi: “Quando si parte il gioco della zara,/colui che perde si riman dolente,/repetendo le volte ,etristo impara:/con l’altro se ne va tutta la gente;/qual va dinanzi,e qual di dietro il prende,/e qual da lato gli si reca a mente:/el non s’arresta, e questo e quello intende;/ a cui porge la man  più non fa pressa;/ e così dallacalca si difende./. Come si vede il protagonista della scena  è attorniato  da una calca subalterna mentre colui che ha perso resta inchiodato nella sua  solitudine ripensando allo sconfitta, incapace di   agire.E’ il quadro di una certa Italia recente e non a caso incontriamo fra le altre figure un personaggio come Ghino di Tacco che come sappiamo è stato usato come pseudonimo per  gli sfoghi giornalistici di Bettino Craxi negli anni tristi del caf (Craxi/Andreotti/Forlani) che fanno da vestibolo allo squallore nel quale il nostro paese è crollato. Nel canto c’è, prima della parte più drammatica e per noi cogente, un episodio ancora che fa
-2-
riflettere: il valore dell’amicizia e della riconoscenza che la nostra epoca ha smarrito. E’ qui che Virgilio incontra Sordello (“O Mantovano, io son Sordello della tua terra, e l’un l’altro abbracciava”.L’appartenenza, il comune destino territoriale viene vissuto come un legame forte che dura nel tempoe perfino oltre la morte.
Ma il canto diventa straordinariamente profetico  a partire dal verso 76, allorquando comincia la famosa invettiva che ora ci appare non uno sfogo limitato del tempo ma l’espressione di una condanna imperitura che  arriva ai nostri giorni: “Ahi serva Italia, di dolore ostello,/nave senza nocchiere in gran tempesta,/non donna di provincie, ma bordello!/”. E’ un destino  che il nostro paese sembra portarsi appresso senza sosta, l’incapacità di una guida sicura e poi , come ancora dice nei versi seguenti la constatazione  di tante beghe locali che  non riescono a farne un destino condiviso.Il paese che pure ha conosciuto  il codice di Giustiniano, (ed ancora oggi siamo soliti dire che viviamo nella patria del diritto), è incapace di governarsi, allora come oggi. Ed il paese, rappresentato come un cavallo, è ingestibile, mancano gli sproni, ed il cavallo di cui sopra viene condotto a mano, con la briglia lenta, la“predella” dice Dante e qui l’assonanza  fonetica col predellino di berlusconiana memoria è addirittura stupefacente  e ancora una volta sta a  ricordarci l’incapacità strutturale di chi è chiamato a  governare  e si affida all’improvvisazione più becera e dilettantesca.
Vista l’incapacità nazionale, di darsi una guida,  il poeta invoca l’intevento straniero, in questo caso la richiesta è fatta esplicita  ad “Alberto tedesco”, ovvero  alla casa asburgica  individuata come la sola capace di intervenire con successo. La domanda è rivolta guarda caso alla Germania, così come si è sperato e si spera ancora oggi che i tedeschi possano e vogliano far qualcosa per aiutare l’Italia ad uscire dalla crisi. Dante si duole della insensibilità dei governanti germanici nei confronti dell’Italia che pure si  spegne fra liti e contumelie varie: “Vieni a veder la tua Roma che piagne/vedova e sola, e dì e notte chiama:/…….Vieni a vederla gente quanto s’ama!” Uno società allo sbando  governata malissimo e non in grado di fare leggi appena durevoli tanto è vero che  quello che vien costruito un giorno  è poi  puntualmente distrutto  all’indomani : “che fai tanto sottili/provvedimenti ch’a mezzo novembre/non giugne  quel che tu a ottobre fili”. In una situazione del genere la malattia sembra senza speranza e vive solo d’illusioni. E qui il paragone finale è con l’immagine della donna inferma   che pensa di trovar sollievo rigirandosi  e
-3-
cambiando posizione sul letto delle sofferenze: “che non può trovar posa in su le piume,/ ma con dar volta suo dolore scherma”. Che dire? Si resta meravigliati nel constatare la staordinaria lungimiranza dantesca che ci fornisce un quadro del nostro paese , dei suoi problemi e delle sue inefficienze da farci inorridire e vergognare nel pensare a come si comporta ancora oggi la classe politica e dirigente. Unapoesia come questa andrebbe  almenio inserita di diritto nei programmi scolastici con l’obbligo di studiarla e approfondirla  in tutte le classi della scuola superiore. E sarebbe anche un modo giusto per celebrare i 700 anni della morte del grande poeta
Antonio Filippetti






2021-09-30


   
 



 
01-10-2021 - Celebrazioni per i 700 anni della morte del sommo poeta La poesia profetica: Dante e lo specchio del presente
01-09-2021 - Festeggiamenti e senso del ridicolo
01-08-2021 - Il futuro del lavoro
01-07-2021 - Ciarlatani e creduloni
01-05-2020 - Il linguaggio alla moda
01-05-2021 - La civiltà delle chiacchiere: essere o sembrare?
01-04-2021 - Un paese normale
01-03-2021 - Uomini e politica
01-02-2021 - L’eredità di Leopardi
01-01-2021 - La società di oggi e di domani
01-12-2020 - L’età della solitudine
01-11-2020 - La società di premiopoli
01-10-2020 - Rinnovamento vo’ cercando
01-09-2004 - Un paese in emergenza
01-09-2020 - Un paese in emergenza