L’eredità di Leopardi
 


Le testimonianze del XIV congresso internazionale sul grande recanatese









Le testimonianze del XIV congresso internazionale sul grande recanatese
Si può tranquillamente affermare che nessun autore appare oggi al tempo stesso così necessario e universale come Giacomo Leopardi nel senso che alla sua opera occorre rifarsi per meglio intendere gli aspetti essenziali della nostra vita: civile, sociale, culturale, politica. Tutto ciò lo si desume ancora una volta compulsando    gli atti del XIV convegno internazionale di studi dedicati al grande recanatese  dal Centro Nazionale di Studi Leopardiani e non a caso intitolati “Leopardi e la cultura del Novecento” (editore  Leo S. Olschki, Firenze). E, infatti, i testi raccolti esplorano tutte le contaminazioni e i debiti che la cultura del “secolo breve” condivide col grande poeta. Le ascendenze leopardiane sono presenti e determinanti  tra i prosatori, i poeti, i filosofi ed i critici, persino iregisti e i traduttori, insomma il  panorama è al tempo stesso vasto e completo, a conferma, si direbbe, di quanto  scrisse lui stesso affermando  in un certo senso che siamo tutti degli epigoni giacché non possiamo non ripetere, dopo aver vissuto “lunghissimi travagli e molta difficoltà”, quello che non senza  fatica siamo riusciti a “riconoscere e sentire ne’ grandi maestri”.
La lettura  dei testi raccolti risulta particolarmente utile in un periodo in cui la cultura vera appare sprovvista di autentici maestri  e sembra  affidarsi sempre più  a  inaffidabili o presunti soloni che sono poi  i  tuttologi del nulla. Qui c’è viceversa materia di riflessione e di studio.
Nel presentare il volume, Fabio Corvatta, presidente del Centro Nazionale di Studi Leopardiani, ricorda la vasta attività scientifica e culturale dedicata all’illustre recanatese, ma segnala anche  come  l’opera in questione arrivi in un periodo moltodifficile, quello contrassegnato dalla pandemia da coronavirus  che ha cambiato e forse ancor più cambierà in avvenire  le nostre vite e,  di conseguenza, tutte le attività sociali e di pensiero. Ma proprio in questo contesto giunge ancora una volta in aiuto il pensiero e l’opera di Leopardi: a rileggere infatti  i testi dell’ultima stagione del poeta è possibile ritrovare un insegnamento decisivo per imboccare la via della risalita e della ripresa. La lezione che vi viene dalla poesia de “La ginestra” è di grande e fondamentale caratura e andrebbe tenuta nella massima considerazione proprio nel momento che stiamo attraversando. Essa ci insegna che se anche la natura non può esser vinta  in nessun modo, l’umanità può se non altro fronteggiarla se si determina a stare unita, e non solo nel momento delle catastrofi ma nella pratica di ogni giorno perché soltanto tenendoci per mano e sostenendoci gli uni con gli altri  può esser possibile poi  dare unsenso consapevole all’esistenza: una lezione di saggezza indiscutibile e imperitura.
Antonio Filippetti






2021-01-31


   
 



 
01-03-2021 - Uomini e politica
01-02-2021 - L’eredità di Leopardi
01-01-2021 - La società di oggi e di domani
01-12-2020 - L’età della solitudine
01-11-2020 - La società di premiopoli
01-10-2020 - Rinnovamento vo’ cercando
01-09-2004 - Un paese in emergenza
01-09-2020 - Un paese in emergenza
01-07-2020 - Lessico e…bufale
01-08-2020 - Lessico e…bufale
01-07-2020 - Siccome immobile
01-06-2020 - Il festival del coronavirus
01-05-2020 - Il sogno per il dopo coronavirus
01-04-2020 - Il coronavirus e la lezione de “la ginestra”
01-03-2020 - Autoreferenzialità a gogò