Saggi/Letteratura e follia
 











Carlo Di Lieto aggiunge un nuovo tassello nell’ambito di quel vasto approfondimento della letteratura internazionale in chiave psicanalitica che va compiendo da diversi anni come testimoniano egregiamente i numerosi volumi già pubblicati. Il termine psicanalisi nella ricerca dello studioso napoletano assume da sempre una ricchezza semantica che trascende largamente l’area freudiana, che all’origine la limitava, implicando le diverse ottiche e scuole della psicologia del profondo come, ad esempio,  la psicosintesi  con la sua analisi esistenziale. 
Questo nuovo contributo alla ricerca letteraria in chiave psicanalitica si fonda su una documentazione ricchissima che non è soltanto un’insostituibile fonte di notizie ma un continuo invito a leggere e approfondire. Il campo letterario nel quale Di Lieto esercita il suo magistero è davvero vastissimo spaziando sia in termini geografici sia stilistici trattando autori ed opereapparentemente distanti e diversi. Nella sua vasta “riserva di caccia” troviamo, infatti, Fernando Pessoa e Herbert  Lawrence, Edgar Allan Poe e Albert Camus, Lewis Carroll e Carlo Emilio Gadda, Giovanni Verga e Oscar Wilde, Aldo Palazzeschi e Carlo Michelstaedter (in questo caso una preziosa, autentica riscoperta).  Tutti gli autori vengono filtrati per cosi dire attraverso il metodo psicanalitico e “restituiti” al lettore in una nuova ottica, più ampia e consapevole di sviluppi critici  finora inediti o trascurati.  Si diceva all’inizio che questa pubblicazione completa in un certo senso il percorso critico di Di Lieto sulla linea di altri suoi pregevoli saggi come “Psicoestetica, Il piacere dell’analisi” “La scrittura e la malattia, ll Male oscuro della letteratura”, “Chi ha paura della psicanalisi? Il lato oscuro della Mente “ e “L’io diviso. La letteratura e il piacere dell’analisi”. Si capisce che ci troviamo di fronte ad un corpus critico che mette ordine nelvasto panorama della letteratura mondiale, per cui anche quest’ultimo lavoro, così ricco di notizie e testimonianze rappresenta un continuo invito a leggere e approfondire. Soprattutto per conoscere e capirsi.
E’ da rilevare poi che in un panorama culturale come quello attuale laddove l’esercizio critico resta quasi sempre  relegato ai margini, ovvero  confinato nelle occasionali note recensorie di  interpreti  improvvisati o dilettanti, un impegno  come  quello di Di Lieto che da anni persegue un metodo  inflessibile  è di per se stesso un esempio  di rigore scientifico  di grande momento in grado di conciliare  cioè la creatività letteraria con l’esegesi critica  e specialistica.
Antonio Filippetti

Carlo Di Lieto
Letteratura, follia e non vita
Genesi Editrice, pp.894, euro 40,00

Il  volume sarà presentato sabato  6 aprile alle ore 12,30nell’ambito di “Napoli Città Libro” a Castel S,Elmo






2019-04-05


   
 



 
01-06-2019 - LA DONNA CHE NON INVECCHIAVA PIÙ
01-05-2019 - Oltre la linea gialla
01-04-2018 - Saggi/Letteratura e follia
01-03-2019 - Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi
01-02-2019 - Amalfi, il Mezzogiorno e il Mediterraneo
01-01-2019 - Vissi d’arte
01-11-2018 - CHESIL BEACH: DAL LIBRO AL FILM
01-08-2018 - Il Velo di Iside
01-08-2018 - L’amor vitae nella poesia di Corrado Calabrò
01-06-2018 - L’ESTATE DEL ‘78
01-06-2018 - La tomba del tuffatore e l’attimo fuggente
01-03-2018 - Adesso o mai più La percezione del tempo nell’era digitale
01-02-2018 - La Napoli di Mauro Giancaspro
01-12-2017 - L’ io diviso e il piacere dell’analisi letteraria
01-11-2017 - LA SCOPERTA DELLA GROTTA AZZURA