Dove va la scuola
 











Ha fatto molto discutere – e probabilmente non è ancora finita – l’episodio che ha coinvolto il liceo Sannazaro di Napoli e la sua preside: in mancanza di spazi adeguati ed avendo accolto un numero di studenti superiore alle possibilità dell’istituto, la preside aveva deciso di far tenere lezioni in modo non proprio ortodosso, invitando i ragazzi anche a gite al mare e fuori porta. Genitori e studenti hanno protestato vivacemente fino a chiedere un’ispezione scolastica sull’accaduto che si è conclusa con la sospensione immediata della dirigente. Adesso si apre il capitolo dei ricorsi e il Tar sarà chiamato a pronunciarsi su quanto accaduto e la sua legittimità. L’episodio, al di là dei torti e delle ragioni dei contendenti, induce ad  alcune  considerazioni di fondo sulla nostra scuola. E non si può sottacere come questa istituzione fondamentale per lo sviluppo e la crescita della democrazia versi in condizioni assai precarie. Lacrisi ha molte facce.  Innanzi tutto ci sono le carenze  strutturali, edifici a rischio, locali insufficienti alle necessità, carenza  endemica di personale: quante cattedre sono  scoperte e quanto è difficile mandare avanti la baracca se, per fare un esempio recente, l’assenza di una bidella ha comportato la chiusura temporanea dell’asilo della scuola Cimarosa  nel quartiere  Posillipo di Napoli.
Eppure da sempre si parla di rinnovare la scuola: abbiamo ancora davanti agli occhi la buona scuola renziana o l’altra proposta   dalla Gelmini  o ancora  quella delle tre i – industria, inglese, internet -   della Moratti.  Col tempo abbiamo invece dovuto prendere atto di un lento ma inesorabile deterioramento delle condizioni complessive dell’istituzione scolastica al cui rinnovamento tutti hanno inteso dedicarsi ma con esiti ogni volta peggiorativi. Al prossimo esame di maturità gli studenti saranno protagonisti di unanuova riforma che abolisce la terza prova d’esame ma soprattutto che dà il benservito al tema di storia escluso decisamente dal calendario. E’ questo un aspetto di una gravità inaudita giacché cancellare la storia, vuol dire abolire la memoria. Giambattista Vico sosteneva che la memoria è la premessa per la rinascita e Jorge Luis Borges affermava che noi siamo la nostra memoria mentre Giacomo Leopardi sentenziava che noi non siamo niente senza la memoria e che anzi senza la memoria non sapremmo fare niente. Nasce allora il fondato sospetto di trovarsi di fronte ad una precisa volontà di annullare lo spirito di riflessione riportando ogni cosa alla pura e semplice esistenza del momento in ossequio alla “filosofia” dei social  che minano la libertà di scelta e il pensiero  critico.
I metodi d’insegnamento: probabilmente la preside del Sannazzaro  avrà  avuto comportamenti sbagliati ma non sarebbe male se gli studenti potessero aprirsi al mondo  al difuori  delle aule e di certi programmi scolastici, fossero indotti, come suggeriva  il professor John Keating  ne “L’attimo fuggente”,  “a vedere il mondo da un’altra angolazione”. Il rischio serio che si corre è proprio quello di sviluppare e imporre un “cliché” unidimensionale laddove le peculiarità individuali risultano fortemente  condizionate se non abolite del tutto. Il compito della scuola viceversa dovrebbe essere proprio quello di stimolare la diversità creativa per aiutare le future generazioni a trovare la propria strada e a occupare in maniera significativa, come ancora il prof. Keating insegnava, lo spazio intercorrente tra la nascita e la morte.
Antonio Filippetti






2018-10-31


   
 



 
01-10-2019 - Perché il potere dà alla testa
01-09-2019 - Un paese in bambola
01-08-2019 - I social media e la banalità del linguaggio
01-07-2019 - LA POESIA INNANZI TUTTO
01-06-2019 - Lo standard of living
01-05-2019 - Se torna maggio
01-04-2019 - Una crisi universale
01-03-2019 - L’autonomia culturale
01-02-2019 - Attualità del capolavoro dei fratelli Marx Freedonia, Sylvania e ….. Salvinia
01-01-2019 - La cultura e la qualità della vita
01-11-2018 - Dove va la scuola
01-10-2018 - I fondi per la cultura
01-09-2018 - Insegnare a fare il proprio dovere
01-08-2018 - Il linguaggio della comunicazione
01-07-2018 - La comunicazione standardizzata