Per chi suona la campana
 











E’ davvero straziante dover registrare con ritmo sempre più intenso come tanti ragazzi perdano o distruggano comunque la propria vita nelle notti dello sballo nelle diverse contrade del nostro paese. Ed è certamente doloroso leggere le confessioni accorate dei tanti genitori che si vedono privati d’un colpo degli affetti più profondi. Nella comprensibile emozione che si determina ogni volta all’indomani di un episodio luttuoso, presi dallo sconforto del momento, si finisce anche per restare paradossalmente ai margini  del problema, scansandosi ogni volta dalle proprie responsabilità e rinviando per così dire le colpe ad altrui manchevolezze e inadempienze.
Occorre dire in realtà che quando si verificano episodi come quello  (ma è soltanto l’ultimo in ordine di tempo e vorremmo che fosse davvero l’ultimo) del ragazzo morto a Positano siamo tutti tirati in ballo; è la famosa campana  che suona per tutti noi (J. Donne- E.Hemingway). Per meglio capire e nell’auspicio di non veder reiterare episodi del genere, occorre essere decisi e precisi. Qui le responsabilità sono fuor di ogni dubbio  universali: investono in primis   le famiglie, i tanti genitori che soffrono  nelle notti davanti al telefono fino all’alba in attesa di un cenno liberatorio ma che sono gli stessi che  poi foraggiano i ragazzi perché possano permettersi  di occupare  tavoli da mille euro.  Sono coinvolte istituzioni e società civile. Dove sono, infatti, i controlli sempre promessi e mai attuati al di là di  occasionali passerelle per fronteggiare almeno il traffico di sostanze illegali e nocive come droghe e stupefacenti  e cosa fanno i tanti gestori degli open bar interessati  unicamente  all’incasso della serata e del tutto  indifferenti se i giovani si imbottiscono di alcool  e vanno magari  a sbattere con le auto (anche queste di papà) nel  momento delritorno all’ovile.
Ma c’è da dire poi della scuola e della formazione. Dove sono i modelli da proporre e tramandare se l’istituzione stessa è allo sfascio, imbarbarita e discreditata, ottusa e indifferente e laddove i pochi che ancora credono nella propria missione debbono guardarsi  anche dal riprendere un alunno visto che corrono il serio rischio di vedersi  aggredire dai genitori (magari quegli stessi che aspettano i segnali notturni dai luoghi dello sballo) e finire al pronto soccorso.
Né va meglio con la comunicazione. I modelli sono quelli del facile successo propinato dai format dell’incretinimento assoluto, dove si diventa famosi per aver detto sciocchezze o si vincono premi sostanziosi senza sapere nemmeno, per dire, dove sono le Alpi o chi era Leopardi. In un panorama di questo tipo appare perfino logico che nessuno si occupi del prossimo, la solidarietà e la fratellanza sono argomenti ignoti e non fa nemmeno sensazione che al momento del bisogno nessuno siadisposto a fornire un aiuto.  Una comunità si definisce tale se si fonda sul principio della solidarietà e sulla cultura della fratellanza. Una volta cancellate dal curriculum di ciascuno resta inevitabilmente lo spettro e poi la comparsa della morte: civile e reale.
Antonio Filippetti






2018-04-30


   
 



 
01-05-2018 - Per chi suona la campana
01-04-2018 - Una giornata particolare
01-03-2018 - Libro e moschetto
01-02-2018 - La scomparsa della cultura
01-01-2018 - L’anno che verrà
01-12-2017 - Il successo “prezzolato” degli scrittori
01-11-2017 - Il linguaggio divisivo nella società globale
01-10-2017 - La cultura del peperoncino
01-09-2017 - La letteratura del Sud e i programmi scolastici
01-08-2017 - La promozione della lettura
01-07-2017 - La RAI salvata da Fazio
01-06-2017 - Il libro dei sogni
01-05-2017 - Totò per sempre
01-04-2017 - Memoria e cultura: celebrazioni a confronto
01-03-2017 - Finzione e realtà: un paese che ha bisogno di un commissario