Il corsivo
 


Sport e cultura









Sport e cultura (il corsivo)
Nella stagione che passerà alla storia come quella della pandemia da coronavirus,  ci sarà per molti appassionati di calcio anche da ricordare la decisione di Leo Messi di lasciare, dopo  avervi trascorso una vita, la famiglia del Barcellona.  Qualcuno infatti si sta già chiedendo come sarà il mondo dopo l’addio della “pulce” ai blaugrana barcellonesi così come da più parti ci si domanda come sarà la vita   dopo il Covid 19.In questo caso le speranze fanno affidamento   sulla ripresa della cultura, come è stato più volte auspicato anche dall’Unione Europea. L’industria del pallone, come si sa, muove una montagna di soldi  anche se i bilanci complessivi sono sempre più orientati al “profondo rosso”. Ma in questo panorama sotto tanti aspetti anomalo, fa sensazione che proprio Messi abbia fatto già da tempo alcune “confessioni”, che sono state riprese dall’intervista rilasciata dal campione anni fa a Gian Antonio Stella. In quell’intervista, Messi dichiarava   tranquillamente di non aver mai letto in vita sua un solo libro, fatta eccezione per quello sulla vita di Maradona. In più i suoi nonni erano italiani, originari di Recanati, la patria di Giacomo Leopardi,  eppure  anche qui Messi affermava candidamente di non aver mai sentito nemmeno pronunciare  il nome del grande poeta. Insomma pallone e denari tanti ma cultura zero. L’antico motto di Giovenale, “mens sana in corpore sano”, andrebbe allora  probabilmente  riscritto se non cancellato del tutto.
Antonio Filippetti

Il corsivo/ Vincere senza giocare
La convention democratica degli Stati Uniti ha ufficialmente incoronato Joe Biden quale sfidante di Trump nella corsa alla Casa Bianca per le prossime presidenziali di
novembre. Con tutto quello che sta accadendo nel mondo ancora non si sa definitivamente però se  le elezioni si terranno  alla data canonica, viste in particolare  le perplessità di Trump sull’efficienza  delle votazioni per posta. Al momento tuttavia, la “sorpresa” è un’altra e riguarda proprio lo sfidante. Finora, infatti, Biden è risultato pressoché inesistente sulla scena  pubblica, oscurato dall’”efficientismo” di Trump che oltre a mostrarsi continuamente sui media di ogni tipo, ha continuato a “spararle” a ciclo continuo. nella  speranza/certezza di  essere  perennemente al centro dell’attenzione. Ma Biden non si è fatto scrupolo della sua “inesistenza”.  La cosa strana, infatti,  è che con questo panorama tutti i sondaggi danno Biden in netto vantaggio sul suo avversario,  come a dire che più Trump straparla e Biden tace e più quest’ultimo  sale nei consensi.  Con buona pace di tutti gli spin doctors e persuasori vari. Insomma, a giudicare da quello che sta succedendo negli Stati Uniti, nasce il dubbio che si può anche vincere senza giocare. Un po’ come è successo ad esempio nel gioco del pallone laddove una squadra (la Juventus) ha vinto il campionato senza giocare (senza avere un gioco) ma solo perché gli altri non hanno saputo competere.
Antonio Filippetti
La scomparsa di Sergio Zavoli
Un destino che accomuna  le personalità di maggior rilievo nel momento della commemorazione per la loro scomparsa è quello di vedersi oggetto di frasi ripetute e scontate che tendono tutte a magnificare “post mortem” colui che non c’è più. Accade sempre e ovviamente è avvenuto  anche nel recente caso della dipartita di  Sergio Zavoli. Che è stato un personaggio eminente della cultura, del giornalismo e della politica ma che forse proprio per questo non merita di essere inserito nella “fossa dei coccodrilli” ( gli articoli che tutti i giornali preparano con largoanticipo  sui personaggi  famosi e tirano fuori  al momento della morte).  Intanto i titoli di questi pessimi necrologi  contengono sempre la parola ultimo: l’ultimo maestro, l’ultimo signore, ecc.,  il che fa pensare che non vi sia più speranza per chi resta salvo poi scoprire, alla prossima morte, che gli ultimi per così dire non sono ancora finiti…..Nel caso di Zavoli si è sbandierato ai quattro venti che è stato  anche colui che ha cambiato il modo di fare giornalismo  in specie quello televisivo. Detto così non è, ahimè, un complimento se si pensa a  come è ridotto  l’apparato  comunicativo (radio, televisione e carta stampata) negli anni del dopo Zavoli. in questo caso   verrebbe da pensare più a una colpa che a un merito e poi stando così le cose del presente,  viene anche da domandarsi come doveva essere  allora l’informazione prima di Zavoli. In un epoca di conformismo inquietante ed aberrante sarebbe più utile e intellettualmente produttivo  lasciar perdere le “omelie”  di maniera  e lasciare in pace chi ha saputo svolgere con passione e dignità il proprio mestiere.
Antonio Filippetti

 






2020-08-07


   
 

 

© copyright arteecarte 2002 - all rights reserved - Privacy e Cookies